Home Tiro a volo Tiro a volo: formalizzato il rientro in ASPMI
Home
La Storia
Lo Statuto
La Struttura dirigente
Affiliazione
Tesseramento
Partners
Per saperne di più
Ultim’ora
Annuario
Attività Nazionale
09/12/2017 - Tiro a volo

Tiro a volo: formalizzato il rientro in ASPMI

La proposta del reinserimento ratificata dal Consiglio Nazionale


Data: 07-12-2017


   Foto 3630 S. De Padova

                                          

 

                       Stimolato da richieste venute da più parti, saldo nei valori e nelle sue convinzioni, Salvatore De Padova è stato capace di riportare al centro dell’attenzione un movimento ricco di storia testimoniato dalle quarantasei edizioni fino ad oggi disputate. Niente di meglio che raccogliere le sue impressioni per capire quale può essere la misura di una auspicabile definitiva rinascita

 

Allora, Salvatore, per iniziare, è pace fatta con ASPMI ?

“Sull’ onda dell’ entusiasmo potrei rispondere di si …. ma poi rifletto e realizzo che la pace viene dopo la guerra ed io , in realtà, non ho né dichiarato né combattuto alcuna guerra … addirittura , ho agito da diplomatico, e non da paciere , tra gruppi con qualche idea diversa al solo scopo di riunirci tutti sotto lo stesso tetto”.

Come mai era stato accumulato tanto rancore ?

“Il termine rancore non mi attiene proprio perché ha un senso negativo ed a me piace essere positivo e propositivo. Provare rancore causa soltanto sofferenza inutile perché è un risentimento profondo non manifestato apertamente in un misto di rabbia e rivalsa per un torto subito nella realtà o nell’ immaginazione …. ed allora perché covare sentimenti così negativi e protrarli inutilmente nel tempo quando ci si può incontrare, chiarire e risolvere i problemi?  Se questo sentimento è stato provato da alcuni o qualcuno all’ interno dell’ associazione, io non posso dire, ma certo è che io, comunque, vedendo gli effetti di una frammentazione e pur senza conoscerne né volerne conoscere le cause, ho cercato di proporre un tavolo di incontro/trattativa per l’ avvicinamento delle parti e la risoluzione dei problemi. Generalmente mi piace partecipare per costruire non per distruggere!”

Si può supporre che dopo quattro anni di assenza il tiro a volo nel suo complesso tornerà ad essere per certi versi dominante come una volta ?

A questo punto del riavvio di attività penso di poter rispondere in maniera affermativa: il tiro a volo tornerà ad essere dominante soprattutto perché questo è il desiderio che accomuna tutti i tiratori di buona volontà!”

Qualcosa dovrà cambiare o va bene così ?

Nulla è eterno né immutabile: Il tempo passa, talvolta vola, ma il pilota possiamo essere noi ! Non si può restare fermi, si può sempre progredire ed il miglioramento è l’ obiettivo che dobbiamo perseguire. Democraticamente cercheremo di raccogliere i “ desiderata “, li valuteremo in base alle disponibilità attuative ed in base alle priorità operative e sicuramente andremo avanti! Non ci fermeremo ma non dimenticheremo altresì di far tesoro delle esperienze che il passato e la tradizione ci consegnano”.

Ci sarà tempo per trovare equilibri ed intese ottimali?

“Ci saranno tempo ed occasioni : il primo non è qualcosa che puoi trovare o che ti vien dato, bisogna imparare a prenderselo, le seconde bisogna crearle rendendo possibile un evento! Il successo è dato dal trovarsi nel posto giusto al momento giusto con le persone giuste. Le adesioni che da ogni parte d’ Italia invocano l’ unità dell’ associazione sembrano indicare che abbiamo tutti in animo di lavorare coesi , ognuno per quanto gli compete, per quel che gli è possibile e/o confacente senza discriminare alcuno bensì aggregandosi . Ognuno può mettere in campo/partecipare col proprio tesoretto di esperienza operativa. Più tesoretti assembleremo, meglio opereremo e miglior prodotto otterremo”

In gara qual è il livello agonistico rispetto ad una decina di anni fa ?

“La domanda è molto specifica e necessita di risposta articolata. Non ho seguito tutti i tiratori nell’ ultimo lasso di tempo ma conoscendo la maggior parte di essi ed il loro amore per lo sport nonché il desiderio di aggregazione che stanno dimostrando attualmente, penso che i risultati saranno positivi .

Lo sport è quella meraviglia che fa vincere scommesse quando si ha il cuore palpitante, la mente serena ed i colleghi sinceri, che si spronano a vicenda e fanno il tifo gli uni per gli altri!

Per concludere qualche curiosità e ricordi delle tue sfide in tempi passati.

“Felicissimo di poter trattare  per ultimo, ma non da ultimo, il quesito che più mi entusiasma! In realtà dovrei fare il modesto della situazione e rispondere altrimenti, ma credo che siamo abbastanza adulti per conoscere il valore degli avvenimenti senza  falsa modestia e senza moderare l’ entusiasmo!! Come potrei sminuire il valore del record di durata stabilito sulla distanza delle 24 h, quando io ho stabilito un primato ma gli amici erano con me e per me? E come sminuire altresì il risultato dei “ World Police and Fire Games “ di Barcellona 2003 quando le nostre squadre italiane conquistarono  tutti i gradini del podio nelle varie specialità del tiro a volo. Ecco, queste emozioni sono sensazioni indelebili che sarebbe fantastico avere la possibilità di riprovare “.

 

 

 

 

                           

 

                             

 


A.S.P.M.I. Associazione Sportiva Polizie Municipali d'Italia
Sede Sociale Via Boeri, 7 - 20141 Milano
cell. 347 5220009 - C.F. 94035970485 - P. Iva 01475950471
Cookie policy
Created, hosted and powered by Devitalia

Ultimo aggiornamento: 20/05/2018