Home AttivitÓ internazionale Europei nuoto, i migliori tedeschi e russi
Home
La Storia
Lo Statuto
La Struttura dirigente
Affiliazione
Tesseramento
Partners
Per saperne di più
Ultim’ora
Annuario
Attività Nazionale
15/09/2017 - AttivitÓ internazionale

Europei nuoto, i migliori tedeschi e russi

Esaltante seppure impÓri il confronto


Data: 15/09/2017


 

Hannover – Campionati Europei di nuoto e data l’esperienza di svariate partecipazione sappiamo senza controprove contro chi andiamo a lottare.

Per trovare nell’albo d’oro qualche nome dei nostri bisogna risalire al 2005 con Andrea Gergic - al top della forma - a comporre con Fontana, Scolari e Varisco un quartetto in grado di produrre un’esaltante 4x100 stile libero e la torinese Sonia Gili nei 100 delfino. Rappresentativa ASPMI solida capace di centrare tre inaspettate finali contro avversari fortissimi. Un’impresa da serbare nell’angolo dei ricordi.

In questa che è la quindicesima edizione  si torna a gareggiare in Germania con Alberto Scolari (GS Reggio Emilia) alla sua quinta partecipazione in campionati USPE, Andrea Pisoni (GS Torino) seconda partecipazione dopo Avila 2009, Massimiliano Maccari (GS Roma) e Amedeo Parmeggiani (GS Bologna) entrambi alla prima. Un quartetto di atleti selezionati attraverso risultati ottenuti nel campionato nazionale a Genova.

Con loro in partenza da Milano Malpensa il Consigliere Nazionale David Rugeri. In qualità di accompagnatore e  grande appassionato il milanese Francesco Campanelli. Particolarmente apprezzato il contributo di Rugeri che offre al team completino Arena, costume e cuffia per il riscaldamento in vasca. Sul posto, sempre presente, il Vicepresidente vicario ASPMI Massimo Re nonché tecnico delegato al nuoto per conto di USPE.

Dopo il doveroso incipit la cronaca.

Arrivo in serata e sistemazione all’Hotel Wienecke.

Mattino successivo cerimonia di apertura e gare di salvamento a cui i nostri non partecipano. Nei due giorni successivi gare in vasca nello splendido impianto Stadionbad Hannover.

Come previsto livello altissimo. Molti i nuotatori di livello mondiale e olimpico, due per tutti la due volte campionessa europea assoluta e olimpionica a Londra e Rio la tedesca Jenny Mensing in gara con il suo compagno Chrstopher Fildebrandt campione tedesco assoluto dei 100 s.l. oltrechè staffettista mondiale e olimpico.

Eccellente anche il team russo con a capo la fortissima Daria Ustinova vincitrice dei 50 e 100 s.l. anch’ella con il suo compagno Vladislav Grinev vincitore e migliore prestazione assoluta nei 100 s.l. con 49.34.

In un parterre del genere i nostri (pur buono lo stato di forma di Pisoni, sufficiente  Maccari nei 100 rana; non al top Scolari e Parmeggiani) si sono piazzati nelle posizioni di rincalzo mettendosi dietro unicamente Cipro e qualche atleta olandese. Poco sarebbe cambiato dato l’altissimo livello prodotto in tutte le gare che ha registrato ben 15 record battuti.

Quanto in USPE sia difficile entrare nelle posizioni che contano è analizzato da Alberto Scolari che si dedica allo sport agonistico da anni e sotto ogni latitudine: “Sono passati i tempi in cui anche altre nazioni, Francia su tutte, si contendevano le prime posizioni sul podio. Al momento, e chissà per quanto tempo ancora, russi e tedeschi sono imbattibili. Di questi tempi già essere partecipe di una finale sarebbe di per sé un bel risultato”. Sa che esistono barriere che possono impedire di salire più in alto. “Una su tutta la mancata applicazione delle gare suddivise per fasce d’età tipo Europolyb o addirittura World Police & Fire Games dove ognuno può esprimersi in contesti di parità quantomeno anagrafica”. 

Sportivo praticante sa che non ci possono essere tuttavia barriere che possano impedire di raggiungere sempre qualche traguardo: “Rimane comunque un bel ricordo per una partecipazione insieme a campioni di valore assoluto e anche un po’ di amarezza per una manifestazione che, speriamo sia un caso sporadico, sembra rappresentare la crisi che anche nel mondo USPE evidentemente incombe”.

Dopo gli europei per quasi professionisti la mente rivolta ai World Police oppure Europolyb per  continuare a conquistare medaglie. Perché no?

 

 

 

Foto 3515

    da sin. Campanelli, Parmeggiani, Pisoni, Scolari, Maccari, il Consigliere nazionale ASPMI Rugeri

 

 


 


A.S.P.M.I. Associazione Sportiva Polizie Municipali d'Italia
Sede Sociale Via Boeri, 7 - 20141 Milano
cell. 347 5220009 - C.F. 94035970485 - P. Iva 01475950471
Cookie policy
Created, hosted and powered by Devitalia

Ultimo aggiornamento: 22/02/2018